“È affascinante vedere con quale altissima precisione, Nora Ferruzzi osservi la forma, la luce e il colore nella realtà e poi sfumi gli ampi tocchi di pennello, strato su strato, pennellata dopo pennellata, con gradazioni e tonalità finissime, per ottenere nel suo dipinto una nuova realtà…”

D.U.Kuiken-Schneider Museo Boymans Van Beuningen Rotterdam Febbraio 2002

“…Entrando nell’atmosfera avvolgente e ricercata della sua casa-atelier stupisce il grande ordine, tutto è riposto con cura, tele, colori, pennelli, album, i tessuti finemente dipinti, i paraventi da lei decorati, gli oggetti della quotidianità. Piccoli armadi a vista da cui spuntano come nella bottega della fiaba variopinti e fantasiosi abiti che lei stessa indossa, capi unici, raffinati avvolgenti, ispirati alla moda tutta femminile dei primi del ‘900, esaltazione del mistero della donna…”

O. Scapinelli da “ NewYorkCityVenezia” n8, Ottobre 2004

”L’opera che dedica a Maliparmi si chiama “Borsa in viaggio”, come se si trattasse di un’andata e ritorno dalle Piramidi al Cremlino. Perché alla borsa primigenia, in pelle di dromedario, semplicissima, che viene dal deserto, ha aggiunto un manicotto in velluto dipinto a mano, che serve però da mettere intorno al collo”.

“Una borsa a regola d’arte”, Press Office Maliparmi, 2003.

Particelle di laguna, guizzi vividi, coloristici: Venezia e le sue isole. Sono micro percezioni lagunari, quasi idilli, che l’artista veneziana Nora Ferruzzi compone in un pannello unico, esposto con semplice eleganza nell’ambito della mostra che le si dedica alla Galleria Ca’ Rezzonico… Appena entrati, colpisce la visione di un’opera importante nell’immaginario collettivo di fine Ottocento, quella Madonnina dipinta dal Ferruzzi, bisnonno di Nora e riprodotta ad infinitum. Qui è iconizzata quasi fosse un manifesto pubblicitario.

Giovanna Dal Bon, Corriere della Sera, 7 ottobre 2007.

…Den italienska konstärinnan Nora Ferruzzi har i decennier varit internationallet känd for sina handmålede textilier…

Åven om Nora Ferruzzi svjälf ogillar religiösa riter koplade til kyrkan ser hon att hon i sitt eget arbete kommer nära Gud. Hon pekar ett verk i gyllene sammet…

Kultur & Nöje, 27 juni 2012

…art itself which Nora Ferruzzi was able to portray in a variety of forms, thus accomplishing a true work of art.

Maria Sozzani Brodsky, 2013

…La bontà allaga nel bianco così il bene ha la luminosità veritiera . Le nere folate in inchiostro di china danno corpo e imminenza alla minaccia che farà vacillare il mondo…

Giovanna Dal Bon, marzo 2015

Nora Ferruzzi – Note biografiche

Nasce a Copenaghen (Danimarca) nel 1960, figlia d’arte: il padre è il pittore veneziano “Bobo” Ferruzzi,  il bisnonno è Roberto Ferruzzi pittore della famosa “Madonnina”.

Dal 1978 al 1983 studia incisione alla Horve Hojskole (Danimarca).
Alla Scuola Internazionale di Grafica in Venezia approfondisce le tecniche incisorie (acquaforte, litografia, xilografia, monotipo).

Apprende i rudimenti della pittura dal padre e li sviluppa con il pittore e compagno Paolo Smali.

Affianca alla ricerca pittorica uno studio cromatico sul tessuto.

Si dedica alla creazione di libri d’artista e cataloghi, presentati per la prima volta al Grand Palais di Parigi, nel 2008, alla mostra del Libro d’Arte.

All’Alliance Française di Venezia, nel 2010, espone una serie di illustrazioni per il libro “La Ronde de Gilles” della giornalista cinematografica Claude Marie Trémois.

Nel 2013 presenta al Bergman Center, in Svezia, un progetto teatrale sulla base di un suo racconto fantastico, Vetromao. Nel 2014-2015 lavora ad un breve racconto scritto ed illustrato, Il colore della luce, ispirato a fatti realmente accaduti in Germania, durante la seconda guerra mondiale, traccia per una sceneggiatura cinematografica. Nel 2016-2017 si dedica alla realizzazione di un libro illustrato, dedicato all’icona sacra più riprodotta al mondo di Roberto Ferruzzi (1853-1934) La Nostra Madonnina.

Note espositive

  • Bevilacqua La Masa, Venezia dicembre 1981
  • Grand Palais Biennale des Editeurs de la Décoration, Paris 1982
  • Trompe l’oeil Gallery, New York 1982
  • Panache, Toronto 1983
  • Palais Galiera, Musée de la mode et du costume, Paris maggio 1984
  • Musée de l’impression sur tissus, Mulhouse dicembre 1984
  • Boutique Nobilis (Nobilis-Fontan), Paris marzo 1986
  • Museum Boymans Van Beuningen, Rotterdam marzo 1988
  • Design Museum Copenaghen marzo 1988
  • Schlosstrautenfels, Landsschaftsmuseum, Trautenfels 1989
  • Röhsska Konstslöjdmuseet, Göteborg giugno 1992
  • Galerie Grande Fontaine, Sion maggio 1996
  • Cà del Duca, Venezia ottobre 2000
  • Atlantic Gallery, New York 2002
  • Galleria d’arte S. Stefano, Venezia ottobre 2003
  • Fine art Gallery, Wimblendon ottobre 2003
  • Maliparmi Collection, Padova-Treviso-Milano-Palermo 2003
  • Galerie Marine Biras, Paris novembre 2003
  • Galleria Cà Rezzonico, Venezia settembre 2004
  • Galerie Saphir, Paris 2007-2008
  • Livre d’art, Grand Palais, Paris 2008
  • Alliance Française, Venezia novembre 2010
  • Giro d’Italia 2011, U.c.a.i. Studio de Biasio, Belluno 2011
  • Quadrato cromatico, Korsbarsgarden Konsthall, Gotland 2012
  • Vetromao, Bergman center, Fårö luglio 2013
  • La Galerie, Semur-en-Auxois, luglio 2016
  • Un mare senza plastica, Korsbarsgarden Konsthall, Gotland 2018

Articoli e pubblicazioni

    • Décoration Internationale
    • Connoisseur
    • Maison Francaise
    • Schoner Wohnen
    • Departures
    • The European
    • Elegance
    • Elle
    • Marco Polo
    • Il Veneto
    • Arredo
    • Surface
    • Journal du textile
    • Il Gazzettino
    • Il Corriere del Veneto
    • Sistema Terra
    • Nuova Venezia
    • Class
    • NewYorkCityVenezia
    • Kulture e noje
    • Focus
    • Dagens Nyheter
    • “Sols” di André Bruyère
    • “Venedig”di Marita Jonsson
    • “ Le Velours” di Claude Fauque
    • “ Nora opere” di Nora Ferruzzi
    • “International crafts” di Martina Margetts
    • “ Scrittura e Pittura” di Nora Ferruzzi
    • “ Venice-Venezia” di Leonard Freed e Claudio Corrivetti
  • “Konst för alla på Körsbärsgården” M.N.H.Jonsson